Pages Navigation Menu

foto, lettere, diari, poesie, racconti, ricette

Ea note dee maranteghe

Ea note dee maranteghe

Un nuovo anno è appena cominciato e da subito questo sito vi porta una novità, il titolo dell’articolo scritto in veneto, questa lingua forgiata nei secoli e che oggi si può ascoltare in tanti paesi della terra
E se costoro volessero capire qualcosa di più dei loro antenati, beh! ci possono leggere, ogni volta che  ne sentono la necessità.

Veniamo alla traduzione: “ea note dee maranteghe“, “la notte delle befane” la notte del 5 gennaio quella che porta alla solenne festività dell’Epifania. È una notte propiziatrice perché nelle campagne di una volta si accendevano dei fuochi, come nella notte di san Giovanni (24 giugno), solo che in questa data li accendono per scacciare il buio e il freddo, per risvegliare la terra dal lungo torpore invernale.

La “marantega” è, secondo Espedita Grandesso, una “donna anziana e misantropa, dedita al culto dei morti, possiede un senso luttuoso dell’esistenza ed è portavoce di ogni disgrazia che capiti nel suo raggio d’azione, la si notava durante certe funzioni religiose a stuzzicare qualche malcapitata di temperamento più mite e impressionabile”. Nei nostri paesi non sono sparite e basta ascoltare cosa si raccontano al telefono, meglio definito telefonino, certe donne, sugli anta, in un qualsiasi luogo votato al ritrovo tra anziani, nella sala s’aspetto del medico, nei loro ritrovi domenicali, alle fermate degli autobus, in qualche luogo d’attesa.

E nei nostri paesi di campagna si è dimenticato la sostanza di questa festa che aveva lo scopo di far tornare alla vita la terra addormentata dal gelo dell’inverno. Perciò basta buio costretti alla sera “a far fiò” “il ritrovo” nelle stalle, basta freddo che imbrina la campagna e la tiene ferma, immobile, con le scorte di alimenti che diminuiscono e che ancora non è pronta ad accogliere il seme. Bisognava in tutti i modi poter accorciare l’inverno e far ritornare in fretta la buona stagione e il prima possibile, così si accendevano dei fuochi nelle nostre campagne. E se in giro ci sono ancora le “maranteghe” devono venire a farci visita ma per far del bene alle persone soprattutto ai bambini che non ne possono più del freddo e dei geloni ai piedi, “le bugnasse”, da medicare, causati sì dal gelo ma anche da certe “sgalmare“, le calzature, che a mala pena potevano servire a proteggere i loro piedini intirizziti.

Basta disgrazie, che durante l’anno avevano colpito quella o quell’altra famiglia, del paese, ora devono sparire, per questo si accendevano fuochi, si guardavano le lingue salire verso il cielo e si cercava di indovinare il futuro di ognuno e se le faville andavano di qua o dall’altra parte voleva dire che ci sarebbe stato un anno di abbondanza o di carestia. Carestia parola dura da digerire già vissuta, soprattutto durante le guerre, che aveva colpito intere famiglie dei nostri paesi, con gli uomini a morire di freddo nelle trincee o nelle esercitazioni in montagna. Quanto dolore doveva mai capitare a questa o a quella casa che per fuggirla si è scappati dalla propria terra per andare a lavorare lontano, in Lombardia, in Piemonte, in Francia, in Belgio, in Germania, in Argentina, in Brasile, in Australia. E le “maranteghe” vincevano di nuovo e ridevano con un sorriso sdentato perché nessuno si era sottratto al loro fascino, tutti dovevano pagare, tutti dovevano capire che non esisteva la gioia di vivere.

Così oggi si continuano ad accendere fuochi nei paesi e nelle campagne e sono più spettacolari di una volta anche perché c’è sempre un signore che col microfono tenta di spiegare la sua origine e quasi mai non ricorda che questa notte la si deve vivere in silenzio per ascoltare il rumore delle frasche che scoppiettano, si deve sentire il calore e vedere la luce prodotta dal fuoco che si alza alto nel cielo. La luce e il fuoco fa fuggire il più lontano possibile le “maranteghe” e nessuno vuole più la loro morte, non sono le “strie” “streghe“, bruciate vive un tempo, che possono farti del male, si vuole solo farle fuggire lontano. E poi tutti a scaldarci lo stomaco col vin brulé e una fetta di smeiassa che le donne hanno portato da casa, che hanno cotta sotto la cenere prodotta dal focolare (questo tempo fa), ci si guarda negli occhi resi vividi dai bagliori e pieni di calore ci si abbraccia perché se si è soli è più dura, mentre insieme risulta più facile vivere la vita.

Rifacciamolo quindi perché dopo aver atteso la fine delle fiamme si tornava a casa, dopo averne recuperato i tizzoni di brace accesa, che dovevano dar fuoco alla legna del focolare, in risposta al rito d’inizio dell’accensione innescata dall’anziano del paese che si era portato da casa il tizzone per dar fuoco al mucchio di frasche o di fasce di canne poste al centro della piazza del paese. Le accendeva con l’aiuto di un bambino, perpetuando l’antichissimo scambio di consegne tra le generazioni e alla fine tutti potevano godere nel prendere i tizzoni rimasti scovandoli tra la cenere, come un rito perpetuo da riportare tra le mura di casa, nel luogo consueto e votato alla vita, anche se in molti casi era un casone col tetto di paglia, una umile dimora ma pur sempre quel luogo che accudiva la famiglia. E quando si ritornava a casa la gente intonava canti “Dolce felice notte…“, come diceva David Maria Turoldo: “.. perché allora/ che eravamo poveri/ si cantava?/ Si cantava a sera/ e anche all’alba/ il panettiere cantava/ per le vie deserte./ Camminavamo tra i filari/ nei gloriosi giorni di vendemmia/ e la gioia si spandeva/ a onde giù sulla pianura…/ Ora siamo ricchi/ e muti.

Incontro (inverno)

Un piccolo fuoco
saluta la luna
fora la notte,
rischiara la terra,
ti tiene per mano
ti invita a restare.

E canta una dolce canzone,
piccolo cuore vagabondo.

 

468 ad

25 Comments

  1. Have you ever thought about including a little bit more than just your articles?
    I mean, what you say is valuable and everything.
    Nevertheless imagine if you added some great graphics or video clips to give your posts more, “pop”!
    Your content is excellent but with images and video clips, this website could
    certainly be one of the very best in its field.
    Amazing blog!

    • Salve grazie tante per quello che ci scrivi e ti rispondiamo sì certo sarebbe bello includere molte più cose nei nostri articoli. In questo periodo stiamo partecipando a molte iniziative che vengono fatte qui da noi, mostre in particolare. Inoltre stiamo scoprendo delle eccellenze che fino a poco tempo fa erano sconosciute e appena pronti le documenteremo con delle notizie e anche altro.

  2. I went over this web site and I believe you have a lot of superb info, saved to bookmarks (:.

  3. Good – I should definitely pronounce, impressed with your web site. I had no trouble navigating through all the tabs as well as related info ended up being truly easy to do to access. I recently found what I hoped for before you know it at all. Quite unusual. Is likely to appreciate it for those who add forums or something, website theme . a tones way for your customer to communicate. Nice task.

  4. Grazie per i graditi apprezzamenti.

  5. Salve, lasciaci pensare che forse possiamo scrivere qualcosa di più. Grazie per la sua gentile proposta.

  6. Some genuinely select articles on this site, saved to bookmarks .

    • Salve, ne siamo felici.

  7. Salve, è un finale aperto e che volutamente rimarrà tale perché, non lo sappiamo, quel che vale al momento sono le possibilità che abbiamo per far fronte alle avversità, quelle che possiamo cambiare, non solo buone intenzioni di inizio anno, è sempre un inizio anno.

  8. I’m extremely impressed with your writing skills and also with
    the layout on your weblog. Is this a paid theme or did you modify it yourself?
    Either way keep up the nice quality writing, it is rare to see a great
    blog like this one these days.

  9. bookmarked!!, I like your website!

  10. Hello There. I found your weblog using msn. That is a very
    well written article. I’ll make sure to bookmark it and come back to
    learn extra of your useful information. Thanks for the post.
    I will definitely comeback.

  11. Excellent web site. A lot of helpful information here.
    I’m sending it to some buddies ans additionally sharing in delicious.
    And certainly, thank you on your effort!

  12. Helpful information. Lucky me I found your website accidentally, and I’m surprised why this accident didn’t took place in advance!
    I bookmarked it.

    • Salve, a volte il destino ti porta a scoprire qualcosa di importante basta farne un buon uso, ciao e a presto.

  13. Wow, this post is pleasant, my sister is analyzing these kinds
    of things, therefore I am going to tell her.

  14. I am truly thankful to the owner of this web page who has shared this
    impressive paragraph at here.

  15. Attractive section of content. I just stumbled upon your
    web site and in accession capital to assert that I
    acquire in fact enjoyed account your blog posts.
    Any way I’ll be subscribing to your feeds and even I achievement you access consistently fast.
    mujeres hermosas Cosarmelindo

    • Grazie, ci scrivi qualcosa di più di te che siamo desiderosi di conoscerti.

  16. Salve, spiegaci come ci puoi aiutare.

  17. Salve, ci dispiace di non aver messo il tuo commento semmai riscrivilo che così lo valutiamo insieme e non colei che risponde e che conosce la lingua inglese, noi siamo più realisticamente italiani anzi veneti, c’è una signora che risponde ai commenti. Ciao non staccarti che ne vedrai delle belle.

  18. I am truly pleased to read this web site posts which consists of plenty of useful data, thanks for providing these kinds of
    information.

  19. Je suis vraiment impressionné par vos compétences en écriture et aussi
    ainsi que la mise en page avec sur votre
    blogue weblog. Est-ce un thème payé ou avez-vous personnaliser modifier vous-même?
    Quoi qu’il en soit maintenir la belle excellente qualité d’écriture, ce est
    il est rare de voir une belle grande blog comme celui-ci
    ces jours.

    • Salve, siamo un piccolo gruppo di amici che stiamo lavorando per offrire qualcosa di bello a chi ci legge. Siamo molto inesperti in molte materie comunque abbiamo comprato il tema scelto e su quello cerchiamo di metterci gli argomenti che ci interessano. Scriviamo la vita passata ma soprattutto ci mettiamo il sale dell’incontro e cioè le ricette, poi raccontiamo di luoghi che per noi sono molto belli e cerchiamo di attirare la curiosità di altri.

  20. I have been surfing online more than 3 hours today, yet I never found any interesting article
    like yours. It is pretty worth enkugh for me. In my opinion, iff all
    website owners and bloggers made good content as you did, the
    internet will be much moree useful than ever before.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *